martedì 13 novembre 2012

Parliamo di cosmetici per bambini…(seconda parte)



Dopo aver confermato l'importanza dei prodotti cosmetici specifici per neonati e bambini, continuo in questo post la condivisione di alcune informazioni, sui principali cosmetici per l'infanzia.

Image courtesy of David Castillo Dominici/ FreeDigitalPhotos.net

Sapone neutro o non sapone fluido:  nessuno dei due deve essere utilizzato almeno nei primi tre mesi di vita del bambino.
Il sapone è meno igienico rispetto alla formulazione fluida, a causa del suo continuo contatto diretto con l’aria, ma bisogna anche precisare che in realtà non si tratta neanche di un prodotto davvero neutro, dato che in acqua libera soda alcalina.
La scelta dovrebbe ricadere sempre su un detergente non alcalino e privo di tensioattivi aggressivi.
I tensioattivi ideali sono:


  • i condensati proteici con acidi grassi (anionici), che si distinguono per elevata tollerabilità cutanea e derivazione naturale. Hanno un potere schiumogeno limitato e spesso trovano impiego come tensioattivi secondari, giusto per rendere più delicata la formulazione. I composti offerti dal mercato sono numerosi, ma quelli più usati si ottengono condensando acidi grassi di cocco con diversi idrolizzati proteici quali cheratina, seta, riso, proteine del grano, avena, mandorle, collagene.



  • I derivati dell’imidazolina (anfoteri), buoni agenti lavanti pur essendo poco schiumogeni. In genere sono ben tollerati, ma il loro costo è piuttosto elevato.



  • Gli eteri del glucosio o gli esteri del saccarosio (non ionici) anche in questo caso una buona capacità detergente è associata ad una scarsa produzione di schiuma. Questo gruppo di tensioattivi, viene considerato il più delicato grazie alla loro ottima tollerabilità, ma il loro costo abbastanza elevato e la scarsa richiesta da parte dei consumatori, orientati per abitudine e cultura verso detergenti schiumogeni, spinge le aziende ad utilizzarli solo come tensioattivi ausiliari.


Emulsione fluida detergente: rispetto all’olio pulente è più rinfrescante.
L’emulsione può essere utilizzata su viso e corpo del piccolo fin dai 6 mesi di vita, ma per la pulizia dei cuoio capelluto  si consiglia di continuare ad utilizzare l’olio.

Lo shampoo, anche se definito “antilacrime”, non dovrebbe mai essere utilizzato prima del terzo mese di vita e anche successivamente si devono sempre diluire in acqua delle dosi minime di prodotto (dentro un bicchiere di plastica, ad esempio). Lo shampoo non deve mai rimanere in posa nei bambini così piccoli, ma bisogna sciacquarlo subito. Anche in questo caso è importante orientarsi su prodotti con tensioattivi anionici leggeri, anfoteri e non ionici.
Un discorso simile si può fare per il bagnoschiuma.
Un  prodotto la cui caratteristica principale è quella di essere molto schiumogeno e quindi sgrassante, non potrà mai mantenere inalterato l’equilibrio della cute infantile dove, ricordiamo, non ci sono secrezioni sebacee da asportare.

Image courtesy of Clare Bloomfield / FreeDigitalPhotos.net

Amido per bagno: per curare l’igiene di un neonato è necessario utilizzare esclusivamente un olio da bagno. In alternativa si può optare per una manciata di amido disperso nell’acqua del bagnetto.

Talco: molti igienisti contestano l’uso di polveri sul bambino, dato che un impiego improprio di questo prodotto, potrebbe risultare dannoso al suo apparato respiratorio. Per i genitori che vivono con una certa preoccupazione l’utilizzo del talco, ma non vogliono rinunciare ad i benefici offerti da questo tipo di prodotto, vengono proposte soluzioni alternative in crema, contenenti amido o talco.

Crema idrorepellente - antiarrossamento: insieme all’olio per il bagno, questo genere di crema è il prodotto indispensabile  per prendersi cura della pelle di un neonato.
La maggior parte delle formulazioni in commercio, contiene dal 10% al 20% di ossido di zinco ed è proposta  in forma di emulsione A/O ( acqua in olio).
In alcuni casi, alla crema vengono aggiunti siliconi, bisabololo e/o azulene.

Crema lenitiva – ammorbidente – rinfrescante: la crema idrorepellente all’ossido di zinco può essere sostituita, dopo i primi mesi, con una formulazione meno grassa, che oltre ad essere più leggera abbia anche proprietà rinfrescanti.
Le mamme possono scegliere tra cold cream (emulsioni miste A/O/A) e creme O/A (olio in acqua), arricchite con sostanze lenitive, quali:

  • acido glicirretico
  • allantoina
  • pantenolo


Dentifricio: sempre più genitori iniziano l’educazione all’igiene orale, ancor prima che i denti definitivi abbiano preso il posto dei dentini da latte.
L’abitudine ad una corretta e costante igiene orale, attuata già nel periodo dell’infanzia ( o della fanciullezza secondo Proserpio): “assicura una dentatura più sana nell’età adulta”.
Anche nel dentifricio per il bambino, è fondamentale la presenza del fluoro per la prevenzione della carie, mentre altre caratteristiche, primo tra tutti il sapore, sono differenti rispetto ai dentifrici per adulti.
Il prodotto può essere in pasta o in gel (silice e glicerina), ma quest’ultimo è preferito dalla maggior parte dei bambini soprattutto se anche il gusto è gradevole.









Subscribe to Our Blog Updates!




Share this article!

5 commenti:

  1. caspita, ma ne sai più di un pediatra! se fossi incinta come stefania non avrei dubbi su dove trovare le risposte alle mille domande sui neonati.
    bacio
    monica c.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno mi crederebbe mai, ma quando qualcuno mi scrive queste cose io... mi agito! ^_^
      Mi preoccupo soprattutto di essere percepita come una che vuole sembrare più di quella che è, mentre io vorrei solo condividere le cose che ho letto e mi sembrano utili.
      Che paranoie, eh!
      In ogni caso il merito è tutto di Proserpio...

      Elimina
  2. Post molto interessante Letizia!
    Vedo che il buonsenso unito all'istinto materno mi ha fatto fare le cose giuste con i miei piccolini per quanto riguarda la loro cura ed igiene ^_^
    COn l'amido di riso poi non si sbaglia mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mamme in genere hanno davvero un buon istinto che dovrebbe essere lasciato libero di esprimersi.
      Spesso, invece, ci fanno credere che dobbiamo essere guidate anche nelle cose più stupide.
      Ciao!

      Elimina
  3. dici delle cose interessantissime per tutte le neo mamme,brava,io purtroppo l'ho già superata questa fase, ma comunque è sempre utilissimo, grazie!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Return to top of page
Powered By Blogger | Design by Genesis Awesome | Blogger Template by Lord HTML