venerdì 18 gennaio 2013

Tecnica mista su tappeto di Franco Battiato e Franco Pulcini



Tecnica mista su tappeto –

conversazioni autobiografiche con Franco Pulcini


 di Franco Battiato e Franco Pulcini

Edizioni E.D.T.

Prezzo 13,00€

(1992)




Per questo venerdì del libro ho scelto il primo testo acquistato su Franco Battiato, nel periodo in cui l'ho seguito con maggiore interesse.



Tecnica mista su tappeto è basato, come scritto in copertina, su conversazioni autobiografiche con Franco Pulcini, critico e musicologo che dal 1979 insegna storia della musica al conservatorio "G. Verdi" di Milano

Il libro viene diviso in quattro capitoli, ognuno dei quali raggruppa argomenti legati ad un aspetto ben preciso del cantautore siciliano:

1° capitolo - Il musico

Si parla soprattutto dell'infanzia e della giovinezza di Battiato nella sua città di origine, dei suoi ideali, dei progetti e l'incontro con la musica, la partenza per Milano, i lavori svolti per sopravvivere, la gavetta e la sperimentazione.

2° capitolo - Il cantautore
Viene raccontato il passaggio dalla sperimentazione alle canzoni. All'inizio le domande vertono su " L'era del cinghiale bianco " del 1979 per poi passare a " Patriots" del 1980 e all'album che lo consacrò ad successo più vasto, di massa oserei dire. Ogni volta si prendono in esame le canzoni che hanno riscosso più successo o quelle più significative e questo diventa lo spunto per racconti, ricordi e riflessioni. Giunti a " L'arca di Noè " le domande girano attorno alla canzone più conosciuta o, come dice Battiato stesso " l'unico pezzo sopravvissuto di questo disco". La conversazione continua su "Orizzonti perduti" e viene affrontato il rapporto con il padre anche se con Battiato queste domande si rivelano solo spunti per portare un argomento su altre vie per analizzarlo da prospettive inusuali.

3° capitolo - Discepolo e artista
Tutto il capitolo verte sull' esperienza di Battiato riguardo la ricerca spirituale, la sua permanenza in un gruppo dove si apprendevano gli insegnamenti di Gurdjieff e le differenze tra i vari maestri spirituali. Nel periodo in cui fu pubblicato il libro, Battiato si accostava all'opera ed alcune domande di Pulcini riguardano questa nuova fase della sua carriera per poi passare a "Fisiognomica", in quel periodo, il suo penultimo lavoro.

4° capitolo - Evoluzione

La conversazione si basa quasi esclusivamente sull'album "Come un cammello in una grondaia" e si dedica un lungo paragrafo all'argomento "dolore".

Le ultime battute riguardano i fans, cose belle e cose brutte, intelligenza e creatività per concludere con l'opera " Gilgames ".

Alla fine del libro troviamo tutta la discografia ed i testi delle canzoni.

E' stato il primo dei due libri di Battiato che ho letto fino ad oggi e lo considero il migliore ( forse due libri potrebbero sembrare pochi per poter dare un giudizio, ma considerate che, eccetto alcuni casi, in genere non si leggono una decina di libri sullo stesso personaggio, quindi sottolineo una volta di più che è SOLO la mia esperienza ).

Il fatto di essere un testo discorsivo lo rende piacevole, scorrevole e di facile lettura sempre che Battiato non decida di lanciarsi in un filosofare troppo complesso, cosa che però accade poche volte.

Si tratta del libro di cui ho sentito parlare più spesso dagli estimatori del cantautore e non credo sia un caso.



Subscribe to Our Blog Updates!




Share this article!

11 commenti:

  1. Battiato è un artista, convengo. Un vero artista.
    Però non ho mai preso in considerazione di leggere libri che parlano di lui.
    Questo che proponi tu è interessante, specie se come dici è discorsivo.
    Buon weekend cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto discorsivo e interessante.
      L'intervista rende la lettura scorrevole.
      Ciao!

      Elimina
  2. Interessantissimo.. la musica di solito mi porta alla mente il mio angelo, il mio nonno, il mio dolce pianista.. ora in cielo. Un libro che deve essere molto bello, 'armonico' è il caso di dire! Grazie per avercelo presentato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver condiviso questo delicato e personale pensiero.
      Ti abbraccio!

      Elimina
  3. Il libro che ci ha fatto incontrare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuoi dire che quindi sappiamo con chi prendercela? ^_^
      Scherzo!

      Elimina
  4. Adoro parlar di musica e apprezzo molto Battiato, anche quando si lancia a filosofare!Me lo segno, proposta originale!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante le interviste in televisione non lo apprezzo particolarmente. Credo che goda nel forsi capire ^_^...lo reputo un peccato di vanità o forse non è proprio capare di farlo.
      Credo che il filosofare vada bene, ma è bellissimo quando qualcuno riesce a descrivere le sfumature con il linguaggio più semplice del mondo.

      Elimina
  5. ma che libro insolito e interessante... poi battiato è una garanzia
    monica c,

    RispondiElimina
  6. Sono onesta: è un libro che non mi attira per niente... Non me ne volere però.... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, guarda...penso invece che ti toglierò il saluto! XD
      Ciao Stefania!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Return to top of page
Powered By Blogger | Design by Genesis Awesome | Blogger Template by Lord HTML