sabato 31 agosto 2013

Cornicette cane e gatto con poesia di Trilussa

Mentre disegnavo queste nuove cornicette che raffigurano un cane e un gatto, mi è tornata in mente una poesia di Trilussa che trovo molto divertente.
La conoscerete di sicuro anche voi; il suo titolo è “La gratitudine” .


Alcuni la ricordano come la storia di un pollo, un cane e un gatto, anche se “La gratitudine” in realtà è il racconto in prima persona, di un uomo intento a consumare il suo pasto e che, da buon padrone, divide equamente gli scarti fra il cane e il gatto.


La natura dei due animali, però, è ben diversa e mentre il gatto non si preoccupa di nascondere il suo opportunismo (me ne vado, capirai, ho visto ch'hai finito…), il cane non finisce più di mostrare la sua gratitudine, che in fondo cela anche una buona dose di tornaconto (…perché domani magnerai certamente un antro pollo!).


Trovare la poesia di Trilussa in Rete non è complicato, ma preferisco pubblicarla ugualmente per quelle persone che non la conoscono e che, incuriosite dal post , dovrebbero fare un’ulteriore ricerca per leggerla.

Mettetevi comodi e leggetela pure qui, nel mio tinello virtuale; alla fine troverete le schede in PDF da scaricare con le cornicette (cane e gatto) passo passo e una dove ho disegnato i due animali protagonisti e la storia riadattata per i bambini.


La gratitudine

di Trilussa


Mentre magnavo un pollo, er Cane e er Gatto

pareva ch'aspettassero la mossa

dell'ossa che cascaveno ner piatto.

E io, da bon padrone,

facevo la porzione,

a ognuno la metà:

un po' per uno, senza

particolarità. Appena er piatto mio restò pulito

er Gatto se squajò. Dico: — E che fai?

– Eh, — dice — me ne vado, capirai,

ho visto ch'hai finito… –Er Cane invece me sartava al collo

riconoscente come li cristiani

e me leccava come un francobbollo.

– Oh! Bravo! — dissi — Armeno tu rimani! –

Lui me rispose: — Si, perché domani

magnerai certamente un antro pollo!

 

 Clicca sulla foto per scaricare in PDF le cornicette

Clicca sulla foto per scaricare in PDF la storia 




Subscribe to Our Blog Updates!




Share this article!

7 commenti:

  1. Quella poesia è stupenda.. grande verità nascosta in versi dialettali! :D E queste tue cornicette un amore! Tvb, amica mia. Un abbraccio e dolce domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amo moltissimo anch'io i versi dialettali e tante altre cose legate alle (positive) tradizioni.
      Un abbraccio e un sereno fine settimana (ormai è mercoledì pomeriggio :) ).

      Elimina
  2. ooohhhh.mi hai fatto fare un salto nel passato <3 sia per la poesia di Trilussa (che da buona romana ADORO) ma poi queste cornicette mi ricordano i libricini di Roselline! ce l'hai presente??

    http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQ2Ck8YamAlA7r_e5X_al3OFGxPsVWGm7rj-wjAAOxtsuI_2SHe

    oppure...

    http://3.bp.blogspot.com/-zfDyEzoZmw8/UVaWdpLUkuI/AAAAAAAAGh0/iRJlwS4i4wA/s1600/ROSELLINE+OK+COL.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ti ho fatto fare un salto nel passato, mentre tu mi hai regalato un'informazione interessante.
      Sai che non avevo mai visto questi libricini?
      Spero di trovarli, prima o poi, sopra qualche bancarella del mercatino dell'antiquariato.
      Grazie per il tuo grazioso commento, a presto!

      Elimina
  3. Ahahahahaha stupenda!!!!!
    Non la conoscevo questa poesia e le cornicette sono davvero stupende!!!
    Mi salvo volentieri i PDF, grazie per questa dose di simpatia cara Letizia! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Regalare un sorriso è una gioia per chi lo riceve e per chi lo offre.
      Ti abbraccio!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Return to top of page
Powered By Blogger | Design by Genesis Awesome | Blogger Template by Lord HTML