martedì 10 settembre 2013

Togliere il pannolino:vasini o riduttori wc?

La nostra avventura per l’autonomia al gabinetto è iniziata con la scelta dei vasini e riduttori wc più indicati, per abituare il bambino all’idea di dover togliere il pannolino.
Tutto questo è avvenuto  con largo anticipo, rispetto al consueto periodo estivo, scelto dalle mamme per i motivi che conosciamo tutte (abbigliamento, temperatura, ferie…ecc).

Vasini e riduttori wc: quali scegliere?


Andrea è un osso duro e se vuoi avere dei risultati con lui, devi vestire i panni dello stratega e immergerti nella filosofia zen.
Nel periodo in cui dovevamo togliere il pannolino, tutto questo si è tradotto nell’attenta osservazione delle sue abitudini, con la compilazione di una tabella settimanale per documentare l’evacuazione, e nella valutazione delle possibili reazioni, paure e comportamenti problema, che poteva manifestare di fronte ai tentativi che avremmo fatto, per togliere il pannolino e abituarlo al vasino.
© Szasz-Fabian Erika - Fotolia.com

Adesso, però, ritorno al racconto diretto della nostra esperienza, per farvi capire meglio di cosa parlo.
La prima scelta da fare era tra vasini e riduttori wc.


Dovevo tener conto del fatto che Andrea si sarebbe spaventato e quindi opposto a entrambi, quindi il vero elemento discriminante era: quale dei due poteva aiutarmi a contenere il suo temperamento iperattivo e i suoi comportamenti problema?
I riduttori mi sono sembrati subito la scelta più indicata.
Dal vasino poteva alzarsi facilmente, senza il mio aiuto e trattenerlo era impensabile, inoltre mi sembrava che fosse più difficile evitare le fuoriuscite di schizzi di pipì.


Dal pannolino al vasino: no, meglio i riduttori wc


Ormai la mia scelta era fatta, anche se, nel frattempo, avevo comprato ugualmente un vasino economico, per verificare che le mie idee non fossero del tutto strampalate.
Non mi sbagliavo in effetti, ma che peccato!
Ci sono in commercio dei vasini tanto belli e pratici (alcuni diventano sgabelli o hanno lo scomparto per la carta igienica) che è stato un peccato non poterne scegliere uno.

Per il resto posso dire che i riduttori ti semplificano i momenti da dedicare allo spannolinamento: se cacca e pipì ci sono, basta tirare lo sciacquone e tutto ritorna pulito immediatamente; il riduttore occupa poco spazio e si trova facilmente un post per riporlo (noi lo appendiamo alla doccia).
Per abituarlo al riduttore wc, ho iniziato facendolo sedere per meno di un minuto, elogiandolo molto perché rimaneva sul gabinetto.

Le prime volte, di fare pipì non se ne parlava proprio, ma non me ne curavo, perché sapevo di dover procedere per piccoli passi e il primo obiettivo da raggiungere era quello di farlo familiarizzare con la nuova situazione.
Un po’ per volta, aumentavo il tempo di attesa sul gabinetto e quando la paura non è stata più un problema, ho cercato di stabilire un lasso di tempo minimo da rispettare.
In questa fase, ovviamente, i comportamento problema sono stati l’aspetto più difficile da gestire, ma di questo ne possiamo riparlare in un altro post.

Volete sapere che fine ha fatto il vasino?
Per un periodo è rimasto in macchina perché nella fase iniziale dello spannolinamento (e anche dopo), ci confortava l’idea di poter gestire le emergenze fuori casa, ma è stato utilizzato dal piccolo solo una volta e, per fortuna, si trattava solo di pipì, perché in ogni caso gestire un bambino piccolo, il vasino e la sua pulizia in automobile, non è il massimo.
Di recente ho scoperto il vasino di cartone usa e getta e un vasino da viaggio molto pratico, dove si possono inserire dei sacchetti per raccogliere tutta la “produzione” del vostro pupetto.
Niente di più semplice!
Per idee su vasini e riduttori vedi Sempreutile Bimbo





Subscribe to Our Blog Updates!




Share this article!

4 commenti:

  1. La mia monella è passata per il vasino, in modo che all'inizio sembrava ottimale ma poi è stato fallimentare, per approdare al riduttore per WC e trovare la soluzione!
    Il monello invece è ancora lontano da questa fase, purtroppo....non ne vuole sapere proprio, ma io non demordo e spero che il riduttore faccia il suo dovere anche nel suo caso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo proprio di sì Maris.
      Magari lui è solo più caparbio della monella e sono sicura che il riduttore wc sarà utile anche in questo caso.
      Sai, in quel periodo avevo tante perplessità perché temevo che senza passare dal vasino non avrebbe mai imparato ad andare veramente da solo.
      E' vero che i primi tempi voleva il mio aiuto per salire sullo sgabello (ho usato quello ikea; è molto stabile, quindi ottimo), ma pian piano è diventao autonomo in tutto.
      Si prendeva anche lo sgabello da solo, se lo sistemava, saliva...:D
      Un abbraccio a te e ai tuoi cuccioli!

      Elimina
  2. All'inizio l'idea del riduttore non mi aveva sfiorato e mi sono lanciata al'acquisto di un vasino che però e' stato utilizzato per tutto meno che per il suo scopo, porta giochi, motocicletta e comunque lo trovavo sempre in camera da letto. Il riduttore e' stato una svolta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero! E pensare che mi sono sorti tanti di quei dubbi...Temevo che con il riduttore avrebbe avuto bisogno di me per molto più tempo, mentre il vasino avrebbe agevolato l'autonomia, invece è andata benissimo!
      Grazie per aver condiviso la tua esperienza!
      A presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Return to top of page
Powered By Blogger | Design by Genesis Awesome | Blogger Template by Lord HTML