lunedì 15 giugno 2015

Insegna a tuo figlio il rispetto - Lettera di Daniela


Essere mamma è difficile.
La nascita, la crescita, le paure,le malattie, ma essere mamma di un bambino disabile è ancora più difficile.
Devi scontrarti con la realtà; sognavi un bambino e te ne ritrovi un altro, un bambino a cui non avevi mai pensato e ti chiedi ma perché proprio a me?
Ci sono emozioni, paure, rabbia che sono dentro di te, cerchi di capire, combattere accettare questa cosa che ti spaventa; vai avanti sapendo di dover andare incontro a tanti dolori ma anche a tante gioie.
Ogni conquista fatta è una gioia, è una felicità che nemmeno so spiegare.


Poi arriva inevitabilmente l'età scolastica.
Tutti che lo guardano in modo diverso, commiserazione,disprezzo, a volte falsi sorrisi, tu devi convivere con tutto questo.
Vuoi che rispettino tuo figlio, che non sia un diverso.
Le stesse maestre ricalcano certi comportamenti; li hanno tutti i bambini ma a te li fanno pesare perché lui è così.

Quante cose ho mandato giù: rabbia, dolore,vedere che tutti si trovavano e lui sempre a parte.
Ora è cresciuto,va alla scuola media ma ancora è emarginato, non solo dai bambini ma anche dai genitori e mi chiedo: perché la disabilità o la diversità fa così paura?
Da così fastidio un bambino diverso? E’ giusto tenerlo in disparte? Non si fa male solo a lui ma anche a chi gli sta intorno.

Insegna a tuo figlio a non scherzare, a non deridere il bambino con problemi, il bambino che fa più fatica….ma insegna a tuo figlio ad aiutarlo.
Ma, se anche a te mamma da fastidio vederlo, beh ringrazia solo che tuo figlio non è così.
Una mamma un giorno mi ha detto: "Ringrazio solo che mia figlia è normale,ma non si può mai sapere".
E' una frase che mi ha fatto riflettere.

Invece di giudicare,scherzare e allontanare questi bambini, aiutateli!
Solo un sorriso vero può aiutare una mamma con mille difficoltà, una mamma che combatte per i diritti di suo figlio; noi mamme siamo da ammirare non da evitare.
E’ difficile essere mamma e di un bambino diverso lo è di più!!!

AMO MIO FIGLIO E NON LO CAMBIEREI CON NESSUN ALTRO, anzi, lo devo ringraziare perché in questa breve vita vissuta ,con sofferenza e coraggio mi ha insegnato tanto e mi ha fatto crescere come persona.

E a te dico: non guardarlo con aria di commiserazione, guardalo semplicemente per ciò che è; ammira la gioia e la spensarietazza che c'è in lui e rifletti sulla strada che ha fatto per essere lì.
Scusate lo sfogo,ma provo questo tutti i giorni ed è tristissimo, vorrei che capiste tutti quanto fa male.



Subscribe to Our Blog Updates!




Share this article!

1 commento:

  1. Ciao, mi chiamo Silvia e spero davvero che un giorno la diversità possa smettere di fare paura. Io lavoro con i genitori e con i bambini diversamente abili e so la fatica, le lacrime, lo sconforto e il disagio che quotidianamente si portano dietro. Ma conosco anche il coraggio e la determinazione. Non lasciarti isolare dalla malattia, non diventare invisibile: condividi e circondati di amici. Ricordati che sei una persona e che ogni tanto bisogna respirare. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Return to top of page
Powered By Blogger | Design by Genesis Awesome | Blogger Template by Lord HTML