mercoledì 9 dicembre 2015

Calendario dell'avvento del blog: sorpresa n° 9


Lo Zen e il tiro con l’arco 
di Eugen Herrigel

- Non posso  ripensare a quei giorni senza ricordarmi quanto all’inizio mi fu difficile lasciare che la respirazione avesse il suo corso e il suo effetto.


Respiravo sì in modo tecnicamente corretto, ma quando nel tendere l’arco stavo attento a tener rilassati i muscoli delle braccia e delle spalle, mi si irrigidivano involontariamente quelli delle gambe, come se avessi bisogno di un punto d’appoggio solido e sicuro e, simile a Anteo, dovessi suggere tutta la forza dal suolo.
Al Maestro spesso non restava altro che intervenire con la rapidità di un lampo e premere dolorosamente l’uno o l’altro muscolo della gamba in un punto particolarmente sensibile.
Un giorno che, per scusarmi, gli facevo osservare che io mi sforzavo coscienziosamente di restare rilassato, egli replicò: - E’ appunto perché lei si sforza, perché ci pensa. Si concentri esclusivamente sulla respirazione, come se non avesse altro da fare.-
Ci volle tuttavia parecchio tempo ancora prima che riuscissi a eseguire ciò che il Maestro esigeva.
Ma ci riuscii.
Imparai a perdermi nella respirazione con tanto abbandono che talvolta avevo la sensazione di non essere io a respirare ma, per quanto possa suonare strano, di essere respirato.
……
La differenza qualitativa tra questi pochi tentativi riusciti e i molti che ancora fallivano era così evidente che fui pronto ad ammettere che finalmente comprendevo ciò che significasse tendere “spiritualmente” l’arco.
…non un accorgimento tecnico che invano avevo cercato di scoprire, ma una respirazione che liberava e apriva nuove possibilità.
...
Un giorno, in un esauriente colloquio con il, signor Komachiya, gli chiesi perché il Maestro si fosse limitato per tanto tempo a osservare i miei vani sforzi  per tendere l’arco spiritualmente; perché insomma non avesse fin dal principio insistito sulla giusta respirazione.
-Un grande maestro – rispose – deve essere allo stesso tempo anche un grande educatore, da noi l’una cosa non va senza l’altra.
Se avesse iniziato l’insegnamento con esercizi di respirazione, non avrebbe mai potuto convincerla che lei deve ad essi  qualcosa di decisivo.
I suoi tentativi dovevano prima naufragare perché lei fosse pronto ad afferrare il salvagente che lui le offriva.-



 Tutte le immagini del calendario dell'avvento sono free e scaricate dalla Rete



Subscribe to Our Blog Updates!




Share this article!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Return to top of page
Powered By Blogger | Design by Genesis Awesome | Blogger Template by Lord HTML